Stefano Napolitano risponde agli insulti sui social dopo la sconfitta nel Challenger

Ecco il tenore della replica di Stefano Napolitano a tutti gli scommettitori che lo hanno insultato dopo una sconfitta inattesa.

Stefano Napolitano, giovane tennista italiano, è stato fatto oggetto di insulti e improperi via web dopo una sconfitta inattesa contro il russo Aslan Karatsev nel torneo Challenger di Quimper in Francia. I mittenti degli insulti sono stati alcuni scommettitori che avrebbero puntato con decisione sul giocatore azzurro, nettamente favorito nella sfida contro il russo, e che non hanno digerito il fatto di aver sbagliato la previsione.

‘Muori di cancro’, ‘Sei una merd..’, ‘Ammazzati’, ‘Fai schifo’ è il tenore del vile sfogo telematico da parte di utenti inviperiti per aver gettato via i soldi della puntata. Stefano Napolitano non avrebbe gradito, come è ovvio che sia, i pesanti insulti ricevuti e ha affidato ad un post sul proprio profilo social la propria reazione per quanto accaduto: ‘A tutti voi scommettitori, maleducati e poveri di alcun valore morale, auguro con tutto il mio cuore che la vita possa insegnarvi a stare al mondo in un modo migliore, nel rispetto delle persone, con un pizzico di gentilezza ormai dimenticata, semplicemente con educazione… non provo rabbia, ma solo molta compassione per tutti voi’. Il tennista biellese ha rivendicato, in un certo modo, il proprio diritto ad essere sconfitto senza che qualcuno getti ombre sulla lealtà del proprio comportamento in campo.

‘Io se sbaglio qualche dritto in più o perdo una partita di tennis sono una persona a posto lo stesso e grazie ai miei genitori capisco il valore di ciò che è importante. Oramai in pochi valutano il percorso, la dedizione, la passione di qualsiasi ragazzo che prova a darsi un’opportunità nel mondo dello sport o nella vita in generale. Così tanti oramai sono solo attaccati al risultato, ai trofei, ai soldi, al nulla ‘.

Share This Post