Tennis truccato: ondata di arresti in Spagna per sospetti incontri truccati

Ecco i dettagli dell’inchiesta sul tennis truccato e gli sviluppi che hanno portato al fermo di 34 persone e 6 tennisti.

Il tennis truccato scrive una nuova pagina nera dopo l’ondata di arresti che sono stati eseguiti in Spagna e che hanno coinvolto ben 34 persone, tra le quali anche 6 tennisti nell’ambito dell’operazione relativa al match-fixing e a sospetti incontri di tennis truccati nei tornei minori che si sono svolti in Portogallo e Spagna.

Nel mirino della magistratura iberica sono finiti alcuni match dei tornei svolti a Madrid, Siviglia, Oporto e La Coruna. I giocatori sottoposti ad indagine e arresti sono compresi tra il numero 800 e il numero 1.200 del ranking mondiale, mentre diversi giocatori coinvolti nelle indagini sono compresi tra il numero 30 e il numero 300 della classifica, anche se le identità rimangono, al momento, top secret. Secondo le indagini svolte dalla polizia, sarebbero stati trovati ‘evidenti tentativi di truccare varie partite in 17 tornei svolti in 5 città’.

Geralmente l’organizzazione aveva un ‘gancio’ rappresentato da un giocatore di tennis che avvicinava gli atleti in campo nei tornei Futures e Challenge svolti in Spagna, elargendo compensi da 5 mila euro per truccare una partita, ma in determinati casi i compensi si sono avvicinati ai 10 mila euro. Il portavoce della Guardia Civil ha precisato che spesso i giocatori sono vere e proprie vittime di questo sistema marcio.

Le combine potevano riguardare l’andamento del set, del game o dell’intera partita. I protagonisti e gli organizzatori di questa rete di partite truccate si sarebbero messi in tasca fino a 500 mila euro.
Le indagini sono partite nel 2013 e hanno riguardato 17 tornei. A breve verranno diffusi altri dettagli sul tennis truccato e l’inchiesta shock che ha sconvolto il mondo del tennis, da tempo finito nel mirino di organizzazioni criminali che ne stanno mettendo a rischio la trasparenza.

Share This Post