Wimbledon: Muguruza è la nuova regina sconfitta Venus Williams

Wimbledon: Venus Williams in lacrime, Muguruza nuova regina di Londra

venus williamsGarbine Muguruza è la nuova regina di Wimbledon 2017. Nella finale femminile la 23enne venezuelana naturalizzata spagnola ha sconfitto Venus Williams in 2 set, 7-5, 6-0, in circa un’ora e quindici minuti di gioco.

Confermati i pronostici dei bookmaker che, un po’ a sorpresa, davano favorita (anche se di poco) la spagnola, che fin qui ha messo in campo una forma fisica eccellente e la maggiore freschezza rispetto alla statunitense (23 anni contro 37).

Si arrende tra le lacrime Venus che era alla sedicesima finale Slam (ne ha vinte 7, perse 8): Garbine era alla terza (1 vinta 1 persa) e ora nell’albo d’oro succede a Serena Williams, vincitrice dell’edizione 2016 del torneo. Ma il weekend del tennis non finisce qui, oggi assisteremo  l’ultimo atto tra gli uomini, dove lo svizzero Federer tenterà di battere il croato Cilic.

Roger Federer sempre più irresistibile

Non c’è record che non batta o che non si appresti a battere. In tutto il torneo non ha ancora perso un set, nemmeno  contro Berdych: 7-6(4), 7-6(4),6-4, 2h e 18 m. Non gli è mai successo di vincere Wimbledon, in 7 trionfi (il primo nel 2003!), senza perderlo. Arriva in finale con la fedina immacolata per la terza volta: nel 2006 vinse cedendo un set a Roddick, nel 2008 andò k.o. con Nadal 9-7 al quinto. Solo 4 tennisti, dal 1922, hanno vinto Wimbledon senza perdere un set: Budge (1938), Trabert (1955), McKinley (1963), Borg (1976).

federer

Così oggi Federer giocherà la sua finale n.11 qui contro il croato Marin Cilic (n.6 Atp e campione all’US Open 2014) che ha battuto per la quinta volta su 5 l’americano Querrey: 6-7(6),6-4,7-6(3),7-5 in 2h e 56m.

Nessun tennista ha mai giocato 11 finali nello stesso Slam. Ivan Lendl ne aveva giocate 8 consecutive all’US Open fra il 1982 e il 1989. Qui a giocarne più di tutti, insieme a Sampras che le ha vinte tutte e 7, sette ne hanno giocate anche Arthur Gore (fino al 1912…) e Boris Becker (che però ne ha perse quattro).

E’ un altro record, l’ennesimo, per il campione di Basilea che domenica vincendo su Cilic per conquisterebbe i Championship per l’ottava volta (Willie Renshaw e Pete Sampras si fermarono a 7) e diventerebbe con 35 anni e 342 giorni il più anziano campione di Wimbledon Open dopo Arthur Ashe, vittorioso nel 1975 a 31 anni e 360 giorni (nonché primo tennista “nero” a compiere l’impresa. Comunque vada con Cilic – che Roger ha battuto 6 volte su 7 – eguaglierà le 102 partite giocate qui da Jimmy Connors, che però di Wimbledon ne ha vinti solo due. Una gran bella differenza.

 

Share This Post