Murray è il re di Shangai: battuto Bautista Agut in due set

Andy Murray conquista il 40.mo titolo in carriera dopo avere vinto a Pechino nello scorso week end. Battuto Bautista Agut in un’ora e mezza.

Andy Murray non si ferma più e mette il sigillo anche sullo Shangai Rolex Master (montepremi 5.452.985 dollari) stracciando in finale anche lo spagnolo Roberto Bautista Agut che in semifinale aveva sconfitto Djokovic. Servono poco più di 90 minuti allo scozzese per portare a casa il 40.mo titolo della sua prestigiosa carriera.

Andy MurrayPer Andy Murray si tratta anche del del terzo sigillo nel torneo di Shangai, dopo avere vinto anche l’edizione del 2010 e del 2012. Il match dura, in pratica, solamente un set. Bautista Agut perde il break al settimo gioco, poi annulla ben tre palle set all’avversario prima di riuscire ad ottenere il break e rimettere tutto in discussione. Al tie break, però, la superiorità di Murray viene fuori in modo palese.

Lo scozzese si aggiudica per 7-1 il tie break e da quel momento è assoluto padrone del campo. Bautista Agut riesce a conquistare un solo gioco nel secondo set, breakando Murray al terzo gioco, ma poi per l’iberico è stata davvero notte fonda. Vince Murray per 7-6, 6-1. Il britannico corona con questo successo un 2016 da urlo, probabilmente la sua migliore stagione di sempre.

La Peng regina a Tjanin

A Tjanin il successo va a Shuai Peng che prima conquista la finale (ripresa dopo essere interrotta ieri per pioggia) sconfiggendo in tre set Danka Kovinic, e poi in un’ora e 46 minuti affonda in finale l’americana Alison Riske per 6-4,7-5,6-3. Per la tennista cinese, 30 anni, è il primo sigillo in carriera in un torneo Wta.

Share This Post