Murray vince a Pechino: quarantesimo titolo in carriera

Murray supera Dimitrov in finale e conquista il quinto titolo stagionale, in una annata da incorniciare

Come da pronostico, Andy Murray conquista anche Pechino, imponendosi in finale al China Open contro un ottimo Grigor Dimitrov (numero 20 al mondo) che ha reso complicata la vita allo scozzese, cedendo poi nel finale per 6-4, 7-6(2). Il bulgaro è stato avversario tutt’altro che morbido per il campione britannico.

ANDY MURRAYDopo avere perso il primo set per 6-4 e trovatosi sotto per 5-3 nel secondo set, ha annullato una palla match allo scozzese per poi costringerlo al tie break. Murray ha riordinato le idee proprio al tie break, mettendo subito la testa avanti in modo deciso e chiudendo sul 7-2 che è valso il quarantesimo titolo in carriera, il quinto del 2016 in una stagione che lo ha visto trionfare a Roma, a Wimbledon e alle Olimpiadi di Rio.

La Radwanska si impone nel tabellone femminile

Tra le donne, successo a Pechino per Agnieska Radwanska che ha asfaltato Johanna Konta in due set veloci, in poco più di un’ora e mezza. La polacca, n.3 del tabellone e del mondo, ha conquistato il ventesimo titolo della propria carriera e il terzo in questa stagione, vissuta tra alti e bassi, ma comunque generosa per una campionessa intramontabile che ha raggiunto il culmine della carriera. Per la Konta resta comunque la soddisfazione di avere centrato l’obiettivo di entrare tra le prime dieci giocatrici al mondo.

Share This Post