Petra Kvitova, intervento riuscito: ecco quando tornerà in campo

Ecco l’evoluzione dei fatti dopo l’aggressione subita da Petra Kvitova e la prognosi dopo l’intervento subito alla mano sinistra.

La carriera di Petra Kvitova non sarebbe a rischio, dopo le conseguenze dell’aggressione subita a Prostejov, da parte di uno squilibrato armato di coltello, che le avrebbe reciso i tendini della mano sinistra costringendola ad un intervento chirurgico. Proprio la mano sinistra, quella con la quale la Kvitova impugna la racchetta.

Per fortuna, stando a quanto dichiarato la portavoce della tennista ceca, Karel Tejkal, la giocatrice guarirà presto e tornerà a calcare i campi di tennis già nel 2017: ‘Petra si sente bene – ha dichiarato la Tejkal – un controllo di routine ci ha confermato la perfetta riuscita dell’intervento. I chirurghi non vedono nessun motivo per cui, Petra, non potrà tornare a giocare a tennis. La Kvitova non si arrenderà di certo, anche se il trauma psicologico richiederà tempo affinchè possa essere superato. Difficilmente però, la campionessa ceca, potrà tornare in campo prima del torneo di Wimbledon in estate.

Dopo i tre mesi di stop, sarà necessario un periodo congruo per la riabilitazione. Petra avrà la mano immobilizzata per almeno tre mesi poi potrà iniziare la fase di recupero. ‘Non importa se ci vorranno mesi o anni, io tornerò a giocare’ ha ripetuto la Kvitova dopo l’intervento.
Il chirurgo che l’ha operata, Radek Kebrle ha ribadito che saranno necessari almeno 6 mesi prima che il recupero venga completato del tutto: ‘E’ un grave infortunio – ha ribadito Kebrle – ci vuole tempo prima che si riprenda. E’ giovane e sana, ha dita lunghe e sottili, la prognosi è buona’.

Share This Post