Francesca Schiavone si ferma ai quarti nel torneo di Nanchang

Non è andata oltre i quarti di finale la tennista azzurra Francesca Schiavone che è stata piegata per 2-1 dalla tennista giapponese Ozaki.

Francesca Schiavone
Francesca Schiavone

Era cominciato nel migliore dei modi per Francesca Schiavone lo Jiangxi Open, il torneo Wta con un montepremi di 250mila dollari in corso nei campi di cemento del Nanchang, in Cina. Il torneo della milanese però si è fermato ad un passo dalle semifinali. L’esperta giocatrice milanese era la testa di serie numero 3 del torneo e ricopre attualmente la posizione numero 107 del ranking Wta.

Al debutto, Francesca Schiavone ha sconfitto per 6-0 6-4 al primo turno la cinese Zhaoxuan Yang, giocatrice ventunenne che occupa la 222.ma posizione del ranking mondiale. Le due giocatrici non avevano mai giocato prima l’una contro l’altra. In poco più di un’ora e 13 minuti Francesca Schiavone si è sbarazzata dell’inesperta avversaria. Il match è durato un’ora e 13 minuti.

La Schiavone soccombe per 2-1 contro la Ozaki

Il suo torneo però è finito ai quarti di finale. La tennista azzurra ha dovuto inchinarsi alla giapponese Risa Ozaki, testa di serie numero 7 della manifestazione e 133 delle classifiche mondiali. Davvero una grande occasione sprecata per Francesca Schiavone che ha perso un match ampiamente alla sua portata che avrebbe incrementato il suo bottino di punti nel ranking Wta.

E dire che il match contro la Ozaki era iniziato nel migliore dei modi. Approfittando di un’avversaria fallosa e timida, la tennista azzurra si era subito portata sul 4-0 che lasciava presagire un epilogo più felice. L’azzurra però si è disunita col trascorrere dei minuti, consentendo alla Ozaki di portarsi sul 4-4. Uno scatto d’orgoglio nel finale del primo parziale ha consentito alla milanese di aggiudicarsi per 7-5 il primo set. Nel secondo e nel terzo parziale una Schiavone irriconoscibile e priva di energie ha dovuto cedere i set e il match in pochissimo tempo. La Ozaki ha vinto per 6-1, 6-2 i due set rimanenti.

Share This Post